Siti
Il meglio del Web
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio
Web Links


Risparmio Gestito
Il sito sul Risparmio Gestito e gli Investimenti. Una semplice guida sulle forme d'investimento, con particolare attenzione ai Fondi Comuni e ai Fondi Pensione.
-
Soldi Facili
SOLDIFACILI.IT - il portale che fornisce informazioni sui Prestiti per Lavoratori Dipendenti, Liberi Professionisti, Pensionati e Studenti Universitari.
-
Tutto Risparmio
Tutto sul Risparmio: come si puo'economizzare al meglio il proprio denaro, il risparmio energetico e il giorno dedicato al Risparmio
-
I Vostri Soldi
Poca trasparenza e spesso fiducia mal riposta nelle banche. Come investire i vostri soldi? Suggerimenti per investire senza correre rischi, con la possibilità di disinvestire in fretta e senza rimetterci
-
I Nostri Soldi
Guida sui soldi: la loro origine, la comparsa dell'Euro e alcuni modi per riconoscere le banconote vere da quelle false


I Piani di accumulo del capitale

Piccole somme crescono

Riuscire a risparmiare una piccola somma di denaro oggi, un'altra il mese prossimo e così via, permette di accumulare in diversi anni un considerevole capitale senza quasi accorgersene; questo è il vero vantaggio di sottoscrivere un PAC.

Dove

PAC è l'acronimo di "piano di accumulo del capitale" ed è la sottoscrizione di un fondo comune d'investimento mediante versamenti periodici. Si tratta, in pratica, dell'acquisto, a rate, di un fondo comune.

Un PAC può durare da pochi a molti anni(anche 20). I versamenti possono essere effettuati ogni mese oppure avere scadenza bimensile, trimestrale e così via.

Per sottoscrivere un PAC non servono grossi capitali;l'obiettivo è infatti quello d'investire in un PAC accantonando piccole somme con costanza.

La rata da versare può anche essere di  50,00 Euro e perfino di 25,00 Euro anche se, generalmente,quando si comincia, è prevista una rata iniziale d'importo pari a tre, sei o più versamenti.

E' risaputo che acquistare fondi è costoso in quanto, al momento d'investire in un fondo, le banche o le società di gestione chiedono commissioni di ogni genere ( di sottoscrizione, di gestione, di uscita...).

Nel caso di acquisto di un fondo attraverso un PAC, la diversa modalità dell'investimento ( non tutto in una volta) dà luogo a differenti costi del servizio di gestione ed alcune commissioni possono rivelarsi più alte.

Nel caso di un PAC  spesso si arriva a pagare fino al 30% delle commissioni d'ingresso al momento del primo versamento, anticipando così una parte delle spese previste sull'intero piano. Le spese vengono sottratte direttamente dalla prima rata. Se ipotizziamo ad esempio un investimento di 6.000 Euro diviso in 60 rate da 100 Euro l'una bisogna considerare che, sull'importo dell'intero piano, viene chiesto il 4% di commissione ( che su 6.000 Euro sono 240 Euro) di cui si deve versare il 30% ( cioè 72 Euro ) al momento della prima rata ( che non puo' essere inferiore a 300 Euro). In tal modo, del primo versamento di  300 Euro, verranno investiti solo 228 Euro ( 300-72 Euro). Nato per remunerare i promotori,  questo è un metodo per disincentivare l'abbandono del PAC in quanto, se si sono già pagate buona parte delle commissioni, le rate successive saranno meno care.

Le spese di gestione sono il compenso trattenuto da chi gestisce il fondo ed i promotori per il proprio operato. Sono prelevate dal patrimonio del fondo alla fine di ogni mese o di ogni trimestre. Sono calcolate ogni giornoed il valore della quota, pubblicato ogni giorno sui quotidiani, è al netto di questa spesa.

Un'altra voce che fa salire il costo di un PAC è quella dei diritti fissi: un euro di diritto fisso su 50 Euro di rata è già un costo del 2%. Come  fare? Se si possono risparmiare solo 50 Euro al mese ed il PAC che vogliamo fare chiede una commissione pari ad un Euro a versamento, si può scegliere di effettuare, anzichè versamenti mensili di 50 Euro,un versamento trimestrale di 150 Euro, sul quale la spesa di commissione pari ad un Euro pesa solo per lo 0,67%.

E' vero anche che, se il mercato si trova in fase di crescita, effettuare versamenti trimestrali anziché mensili significa investire in ritardo, rimettendoci, in quanto il denaro non investito non frutta. D'altra parte, poichè non si può sapere in anticipo  quale sarà l'andamento del mercato mentre la perdita costituita dai costi è certa, vale la pena evitare il più possibile i costi fissi.

Prima di sottoscrivere un PAC è bene avere le idee chiare su quanto possiamo accantonare ogni mese senza rischiare di andare in "rosso" sul conto corrente e per quanto tempo ci vogliamo impegnare. Chiarite le idee su questi due punti fondamentali, la prima cosa da chiedere a chi ci propone il fondo è il costo delle commissioni e le modalità con cui verranno applicate.

Per quanto riguarda la scelta tra un PAC con un fondo azionario ed uno bilanciato o obbligazionario, è necessario capire qual è il rischio che siamo disposti a correre e per quanto tempo vogliamo impegnarci nell'investimento.Con un fondo azionario, per ottenere rendimenti alti, occorre tempo, ma si può sperare di guadagnare di più.

Comunque, la cosa veramente importante, è scegliere bene il fondo che custodirà i vostri risparmi.

 

 

Navigare Facile
danari.it

Danari, risparmi ed investimenti:suggerimenti per far rendere al meglio un piccolo gruzzolo ogni mese valutando consapevolmente il profilo di rischio che siamo disposti ad accettare e l'orizzonte temporale per cui ci vogliamo impegnare
Argomenti

Conto corrente e conto deposito
Buoni postali,Pronti contro termine e Fondi comuni
I Piani di accumulo del capitale